Stile di vita

La pizza: un piatto ricco, ma gustoso e nutriente... perché a volte ci gonfia? 

Quasi tutti adoriamo la pizza, ma perché capita che ci gonfi e ci faccia pesare di più?

Pubblicata il

29 settembre 2017

Condividi


La pizza: un piatto ricco, ma gustoso e nutriente... perché a volte ci gonfia? 

Finalmente arriva il weekend e porta con sé il momento in cui la maggior parte delle persone si gode la tanto attesa pizza della settimana... a casa o in pizzeria, in famiglia o con gli amici... insomma le occasioni non mancano di sicuro. Ma poi, la mattina dopo, ecco la tristezza di 1 kg in più sulla bilancia che quasi ci fa odiare quel meraviglioso piatto tipico italiano! Ma com'è possibile?! Cosa succede al nostro organismo?

 

Generalmente i problemi potrebbero essere tre:

1. una lievitazione non adeguata: talvolta capita che vengano utilizzate dosi elevate di lievito per accorciare i tempi di lievitazione e avere comunque un impasto che cresca. In questo caso il peso può metterci anche più di un giorno a tornare stabile. La lievitazione richiede invece tempi lunghi affinché l'impasto maturi e non fermenti nello stomaco producendo gas e dando gonfiore.

2. L'organismo potrebbe non reagire bene a uno degli ingredienti: ad alcune persone ad esempio crea problema la mozzarella cotta ad alte temperature, se ve ne accorgete evitatela (risparmierete calorie e grassi!) oppure chiedete di metterla "in uscita". Non dimentichiamo poi che purtroppo capita che non venga utilizzata vera mozzarella, ma paste filanti perché costano meno e si conservano a lungo. Sono però meno digeribili e anche dal punto di vista nutrizionale non sono una buona scelta.

Per quanto riguarda le farine, invece, oggi si trovano sul mercato anche preparati che contengono i cosiddetti “miglioratori”, additivi che permettono di raggiungere buoni risultati anche se la preparazione della pizza non è a regola d’arte. Possono aiutare a migliorare il sapore, il profumo e la croccantezza, ma possono dare fastidi gastrointestinali. L'ideale dal punto di vista nutrizionale sarebbero le farine biologiche grezze macinate a pietra.

3. Ritenzione di liquidi causata dal troppo sale: l'organismo accusa un apporto maggiore di sale rispetto alle nostre abitudini, soprattutto se di solito ne usiamo poco! Avrete notato che in quella serata/nottata avete avuto più sete e vi siete attaccati alla bottiglia?! L'organismo trattiene quell'acqua per rispondere al mix di tutti gli ingredienti della pizza (impasto, pomodoro, mozzarella cotta e condimenti aggiunti). In questo caso la reazione è di solito passeggera e in un giorno il peso dovrebbe stabilizzarsi, ma è comunque poco piacevole.

Quale può essere la soluzione⁉️ Cercate una pizza che venga creata con i giusti tempi di lievitazione oppure preparatela voi impastandola per tempo! A proposito di lievitazione, ci sono tanti pizzaioli che utilizzano la lievitazione naturale con lievito madre, ottima soluzione, ma solo se anche qui sono rispettati i luuuunghi tempi di lievitazione di giornate intere. Ancora meglio se le farine sono di alta qualità e macinate a pietra!

Ecco qui i miei consigli per godere di questo buon piatto italiano senza rinunciare al benessere:

  • Favorite condimenti semplici e genuini: una pizza rossa o margherita con aggiunta di verdure sono un'ottima soluzione, nel secondo caso è ancora meglio se la chiedete "con poca mozzarella". La pizza è una cena già di per sé molto più ricca rispetto alle solite (può spaziare dalle 700 alle 1000kcal che per alcuni corrispondono quasi alla metà del dispendio giornaliero!), risparmiare calorie e grassi sul formaggio può essere un buon aiuto per diminuirne il carico calorico.
  • L'elevato contenuto di carboidrati fa sì che la pizza abbia un alto indice glicemico (innalza in fretta la glicemia), per cui è importante aggiungere delle verdure per aumentare la quota di fibre che permettono di modulare il picco glicemico.
  • Se tra le scelte c'è anche l'impasto integrale favoritelo perché anche questo aiuta ad aumentare le fibre del pasto limitando il picco di glicemia.
  • Gli impasti al kamut non sono meno calorici: si possono digerire meglio perché queste farine hanno meno glutine (si dice che la forza del glutine è inferiore per cui lo tolleriamo meglio) per cui risultano più leggere per il nostro stomaco, ma non pensate che così la pizza sara più "magra", le calorie sono pressoché uguali.
  • Molti amano associare alla pizza una bevanda gasata, anche questo non aiuta a migliorare la digestione o alleggerire la cena già di per sé molto ricca! L'acqua non vi piace proprio?
  • Infine, soprattutto per chi ha problemi di peso o in generale non vuole appesantirsi, aggiungere un dolce a un pasto già molto ricco non è l'idea migliore. Che ne dite di gustarvelo in un'altra giornata?

Alla luce di questo sono la prima a suggerire di godersi questo gustoso piatto, ma sceglietela con cura! È un peccato se il piacere viene smorzato dal gonfiore, non trovate?! Ovviamente non vi lascio senza una ricetta... nel prossimo post vi racconto della pizza integrale che preparo io! Buon weekend!!!

Lascia un commento

Top